Gli Occhionero, il fumo negli occhi e la merda mediatica.

Anche un bambino di prima elementare, leggendo con attenzione i giornali dell’11 gennaio 2017 e guardando le notizie diffuse dai media, avrebbe potuto trarre la conclusione che i due fratelli Occhionero fossero agenti di qualche agenzia di intelligence straniera. C’era da chiedersi quale, anche se non era così difficile darsi una risposta.

Si è preferito, invece, spargere tonnellate di fumo sui massoni, “Fratelli d’Italia” e sulla Massoneria occulta che trama, trama e ancora trama. Tonnellate di fumo, a titoli di scatola, senza pudore e senza onore.

Pessimo giornalismo, al limite della cialtroneria, del quale dovrebbero vergognarsi quasi tutte le testate italiane.

Spargendo fumo a tonnellate, i mezzi di comunicazione hanno evitate di porre, a titoli di scatola, la domanda vera: “Cosa hanno fatto in tutti questi anni i nostri servizi di intelligence per mettere in sicurezza gli interessi della Repubblica Italiana? E se sono stati fermi, chi li ha tenuti fermi? ”.

Siamo una colonia e questo è un dato di fatto.

Seconda domanda: “Ora che è in atto una guerra interna ai servizi di intelligence americani, chi ha tolto il coperchio al pentolone dei due Occhionero e chi prima il coperchio lo teneva ben saldo?”.

Veniamo alle deduzioni del bambino dell’asilo.

Il fatto che Giulio Occhionero fosse iscritto ad una loggia del Grande Oriente d’Italia non significa pressoché niente. Una loggia, per dimensione e per importanza, è assimilabile alla sezione di partito di un paesetto di provincia o  di un quartiere di periferia e il suo Maestro Venerabile conta come il due di coppe quando il gioco alla briscola è a bastoni: nulla.

I massoni non sono spie, ma sono tra gli spiati dagli Occhionero, dato che gli stessi giornali dell’11 gennaio scrivono che nella cartellina “Bros” dei due agenti al servizio di stati stranieri ci sono 524 account di posta elettronica di altrettanti massoni infettate dal malware e quindi messi sotto controllo.

Lo stalinismo dei mezzi di comunicazione italiani, degno della Stasi, è inquietante in quanto la caccia ad un nemico finto copre l’esigenza di ricerca del nemico vero e della verità su cosa siano effettivamente i due agenti e per quale agenzia straniera lavorino.

Che nel mondo tutti spiino tutti è un fatto e non è una novità. La parte inquietante della vicenda è che i nostri apparati di sicurezza non garantiscono la sicurezza.

La caccia al tesoro non è, francamente, difficile. I due fratelli Occhionero sono: l’una cittadina americana e l’altro residente a Londra.

I server dove hanno depositato i files rubati dagli account infettati sono negli Stati Uniti.

La società dei due fratelli, la Westlands Securities spa (registrata in California e terminale di una serie di società organizzate a scatole cinesi), ha svolto consulenze per il governo statunitense in alcune infrastrutture del porto di Taranto, principale base delle Marina Militare italiana e sede dell’ammiragliato.

Il malware usato si chiama Eye Pyramid, occhio della piramide, ossia il simbolo che campeggia sul dollaro americano e che non è un simbolo massonico, ma degli Illuminati di Baviera, ossia di quell’Ordine degli Illuminati, organizzato il primo maggio 1776 da Adamo Weishaupt sulla base di un modello gesuitico. Weishaupt è successivamente entrato nella Massoneria, nel 1777, secondo una logica entrista degna dei suoi ispiratori.

Si è tirata in ballo la P4, senza ricordare che la madre di tutte le P, ossia la P2, è stato un regalo velenoso fatto al Grande Oriente da un agente della Cia, tale Frank Gigliotti e che una vasta letteratura in merito alla loggia diretta dall’ex SS Licio Gelli porta ad un cervello degno di Giano bifronte: da una parte la Cia e dall’altra il Vaticano.

E ci risiamo.

Oggi, 12 gennaio 2017, con loro somma vergogna, sulla maggior parte dei mezzi di comunicazione non compare la notizia che finalmente si è capito (come il bambino dell’asilo dell’11 gennaio) che non i massoni italiani, grandi tramatori per staliniana definizione, ma la Cia, ossia l’agenzia di intelligence degli Stati Uniti, durante la presidenza di Obama, spiava politici, manager, giornalisti, massoni, apparati dello Stato, la nostra intelligence, e via elencando.

Onore a “Il Giornale”, che la mette in prima pagina e in apertura. E gli altri? Che figura di merda (ogni eufemismo è del tutto sconveniente). Il 12 gennaio pagine e pagine occupate dall’articolo 18 e da gravissimi fatti di cronaca.

Sulle tonnellate di fumo buttate in faccia ai lettori silenzio assoluto. Che figura di merda.

Tra gli spiati ci sono anche giornalisti e direttori di giornale, ossia quelli che hanno messo alla gogna i massoni e non la Cia, che viene invece finalmente tirata in ballo da Il Giornale, il quale rimane uno dei pochi media seri a non buttare fango e a ritirare la mano.

La macchina del fango è in azione è c’è da aspettarsi che nei prossimi giorni e nei prossimi mesi butti merda in quantità.

Negli Usa è in atto una guerra tra agenzie di intelligence e al loro interno. Probabilmente le prime vittime di questa guerra sono i due fratelli Occhionero, che si sono improvvisamente trovati allo scoperto. Molte altre vittime seguiranno, in una guerra all’ultimo colpo dovuta all’arrivo dello tsunami Trump e dalla resistenza all’ultimo sangue della squadra della ormai ex presidenza Obama e del clan Clinton.

L’importante è che la grande macchina dello spruzza merda non diventi il giocattolo consueto in mano ai media italiani, che per ora, con la storia degli Occhionero e con i titoli a scatola sui massoni, di merda hanno solo fatto una gran bella figura.

Silvano Danesi

 

 

 

 

Annunci

Informazioni su fionnbharr

Giornalista
Questa voce è stata pubblicata in Autore, Massoneria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Gli Occhionero, il fumo negli occhi e la merda mediatica.

  1. Marino Fracchioni ha detto:

    SPIONAGGIO E MASSONERIA … A titoli cubitali.
    Reputo che Silvano Danesi abbia centrato il problema alla base. Come spesso accade i media e gli incompetenti hanno gettano fango ancor prima di stabilire i danni reali. A mio avviso, si è dato risalto ad una notizia che andava centellinata e verificata dagli organi competenti, invece quell’atto di spionaggio ha oscurato tutti i mali italiani, le banche fallite, i politici corrotti e corruttibili. Lampante esempio di come viene manovrato il popolo italiano.
    Non c’e più giustizia ne onore

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...